Cosa facciamo

L’attività della fondazione si articola su vari fronti: progetti di utilità sociale e concessione di erogazioni gratuite in denaro.

Le attività svolte devono essere ispirate ai principi cristiano cattolici come indicati dalla Fondatrice Contessa Lodovica Torelli di Guastalla.

Progetti di utilità sociale

I progetti sono realizzati nel territorio dove è presente la Fondazione.

Mediante l’allestimento di strutture, mezzi ed erogazione di servizi nei confronti di persone svantaggiate o comunque bisognose di aiuto in ragione delle loro condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari, con particolare riguardo ai giovani.

Concessione di erogazioni gratuite in denaro

Il sostegno economico viene erogato nel territorio dove è presente la Fondazione.

Mediante utilizzo di somme provenienti dalla gestione patrimoniale o da donazioni appositamente raccolte, a favore di enti senza scopo di lucro che operino nei settori dell’assistenza, della istruzione, della formazione e della educazione a favore delle persone sopra indicate.

Le erogazioni sono finalizzate alla realizzazione diretta di progetti di utilità sociale idonei al recupero umano e morale nonché all’inserimento nella società e nel mondo del lavoro, delle persone sopra indicate.

Aree di attività

Area
Attività
Destinatari
SOLIDARIETÀ E SOSTEGNO ALL’ISTRUZIONE
1) Contributi per la scuola e borse di studio
2) Aiuti alle famiglie
3) Supporto alle iniziative del territorio
- Giovani in situazione di difficoltà
- Famiglie fragili
- Giovani e famiglie in situazione di difficoltà
PATRIMONIO CULTURALE
1) Archivio storico
2) Tutela e valorizzazione del patrimonio immobiliare, artistico-culturale
3) Spazio per eventi
- Studenti, studiosi, ricercatori, appassionati, istituzioni culturali
-Aziende, organizzazioni, collettività
Area
SOLIDARIETÀ E SOSTEGNO ALL’ISTRUZIONE
PATRIMONIO CULTURALE
Attività
1) Contributi per la scuola e borse di studio
2) Aiuti alle famiglie
3) Supporto alle iniziative del territorio
1) Archivio storico
2) Tutela e valorizzazione del patrimonio immobiliare, artistico-culturale
3) Spazio per eventi
Destinatari
- Giovani in situazione di difficoltà
- Famiglie fragili
- Giovani e famiglie in situazione di difficoltà
- Studenti, studiosi, ricercatori, appassionati, istituzioni culturali
-Aziende, organizzazioni, collettività

Comunità

La Fondazione sviluppa la sua missione anche con i seguenti progetti:

Comunità terapeutica Il Molino

La comunità si configura come terapeutico riabilitativa residenziale e può ospitare 21 utenti. È riconosciuta come Ente Ausiliario della Regione Lombardia dal 1994. La Comunità il Molino della Segrona è sorta per iniziativa congiunta della Società Cooperativa Sociale Sette Onlus di Binasco, della Fondazione Collegio della Guastalla (proprietaria della struttura) e dell’ordine dei Frati Cappuccini della Lombardia.

Comunità per portatori di Handicap “Il Ponte”

La comunità residenziale ad orientamento riabilitativo può ospitare fino a 9 soggetti di entrambi i sessi con handicap psico-fisici di età compresa tra i 16 ed i 50 anni per la durata di circa 18-24 mesi. Il soggiorno si articola in un percorso che mira a sviluppare le capacità cognitive, fisiche e relazionali dei singoli ospiti. Gli ospiti sono coinvolti nella gestione pratica della struttura, con l’assegnazione di incarichi in base alle capacità ed al progetto riabilitativo di ciascuno. Alcuni ospiti frequentano corsi di formazioni e possono lavorare all’esterno della struttura.

Comunità per portatori di Handicap Cascina di Rosate

La Comunità “Cascina di Rosate” offre una seconda preziosa opportunità di assistenza per le persone con disabilità. In questo luogo, i programmi di soggiorno vengono concordati in collaborazione con l’ente che invia la persona disabile, il quale si assume anche l’onere finanziario del ricovero. L’ospitalità presso questa struttura è organizzata attorno a una serie di attività quotidiane e settimanali, che comprendono la cura degli ambienti di vita, l’attività fisica e l’esercitazione di competenze come la lettura e il calcolo, al fine di migliorare le capacità logico-espressive degli ospiti. Questa comunità si ispira ai principi cristiano cattolici e segue l’esempio della sua Fondatrice nel fornire un ambiente di supporto e cura per coloro che ne hanno bisogno.

Il contributo all'Agenda 2030 ONU

La Fondazione con le sue attività intercetta i seguenti Obiettivi di Sviluppo Sostenibile:

4.1) Garantire entro il 2030 ad ogni ragazza e ragazzo libertà, equità e qualità nel completamento dell’educazione primaria e secondaria che porti a risultati di apprendimento adeguati e concreti
4.2) Garantire entro il 2030 che ogni ragazza e ragazzo abbiano uno sviluppo infantile di qualità, e un accesso a cure e istruzione prescolastiche così da essere pronti alla scuola primaria.
4.6) Garantire entro il 2030 che tutti i giovani e gran parte degli adulti, sia uomini che donne, abbiano un livello di alfabetizzazione ed una capacità di calcolo

17.17) Incoraggiare e promuovere partnership efficaci nel settore pubblico, tra pubblico e privato e nella società civile basandosi sull’esperienza delle partnership e sulla loro capacità di trovare risorse

10.2) Entro il 2030, potenziare e promuovere l’inclusione sociale, economica e politica di tutti, a prescindere da età, sesso, disabilità, razza, etnia, origine, religione, stato economico o altro

11.4) Potenziare gli sforzi per proteggere e salvaguardare il patrimonio culturale e naturale del mondo

3.5) Rafforzare la prevenzione e il trattamento di abuso di sostanze, tra cui l’abuso di stupefacenti e il consumo nocivo di alcol

Dove siamo presenti

  • Binasco (Sede della Fondazione)
  • Noviglio
  • Monza (Collegio della Guastalla)
  • Rosate
  • Zibido San Giacomo
  • Gaggiano
  • Milano (Giardini della Guastalla)
  • Vernate